I SeiOttavi in tournée con Ficarra e Picone ne "Le Rane" di Aristofane
(25.10.2018)


foto di Barbara La Mantia Con il debutto in prima nazionale al Teatro Biondo di Palermo della nuova edizione de Le rane di Aristofane, interpretata da Salvatore Ficarra e Valentino Picone, che il regista Giorgio Barberio Corsetti ha riallestito per i teatri all’italiana dopo lo straordinario successo al Teatro Greco di Siracusa, parte il 25 ottobre 2018 una tournée nazionale che vedrà i SeiOttavi in scena a Palermo, Napoli, Roma, Genova, Brescia, Empoli, Pescara e Ancona.
Il riallestimento dello spettacolo, prodotto dall’INDA – Istituto Nazionale del Dramma Antico, è curato dal Teatro Biondo di Palermo insieme al Teatro Stabile di Napoli – Teatro Nazionale e Fattore K. I SeiOttavi firmano ed eseguono dal vivo le musiche che accompangeranno il viaggio dei due comici nell'oltretomba, vestendo i panni delle Rane e degli Iniziati.
Riuscire a far ridere con un testo di 2500 anni fa, il senso della scommessa è tutto qui: prendere il testo di Aristofane, un vecchio pezzo d’argenteria teatrale, e lucidarlo fino a farlo splendere nuovamente, come se fosse appena forgiato. Le Rane, sfrondato dagli anacronismi, dimostra che per il genere comico può esistere una manifattura a lunga conservazione, che consenta di ridere anche oggi, e consapevolmente, di un testo classico.
Aristofane ne "Le Rane" affronta la Commedia con toni sarcastici, sardonici e quasi sempre amari. Il tema è quello della Città, Atene, che vince la guerra contro Sparta, ma che, nei fatti, vive un periodo di profonda sconfitta, per decadenza, per abbandono dei principi sociali e morali. La disputa tra Eschilo ed Euripide, è il pretesto per la denuncia dell’allontanamento della società dai valori della poesia e dell’arte che regolano lo sviluppo dei popoli.
Nasce su questa premessa la musica de “Le Rane”: sonorità da commedia, certo, senza però trascurare una profonda “serietà” confacente ai temi trattati.

foto di Barbara La Mantia

Quando intervengono le Rane a infastidire Dioniso nel suo viaggio verso l’Ade, la musica è sfottente e irritante; “saltella” da una modernità sciocca ad ammiccanti citazioni anacronistiche. Il suono rispecchia il gracidare a volte volgare e irriverente, a volte simpatico e scanzonato, a volte intimidatorio.
Il coro degli Iniziati invece ha tutto un altro sapore. Gli Iniziati sono il Popolo critico e scontento. Arriva da lontano e si fa sempre più presente come un gigante che fa tremare la terra con il suo passo inesorabile. Ballano ma non sono felici, si ubriacano ma sono moralisti, intervengono quasi sempre contro il più debole e cambiano continuamente idea. A volte sono comici, ma la comicità ha dietro sempre qualcosa di serio, di grave.
I SeiOttavi nello sviluppare le atmosfere delle musiche di scena e dei cori, spaziano da sonorità più classiche, quasi da corale, a quelle più moderne. La varietà dei suoni non tradisce l’atmosfera generale della scrittura, che risulta essere sempre molto evocativa di un tempo lontano in cui però si tratta di temi di grandissima attualità.

 

 

SeiOttavi per le scuole
(20.04.2018)


lezioneconcertoDa alcuni anni ormai i SeiOttavi portano il contemporary a cappella anche fra le nuove generazioni. Dopo gli appuntamenti con alcuni istituti scolastici siciliani (Palermo, Messina, Trapani e altri) e dopo aver portato la loro lezione concerto anche a Linz (Austria) i SeiOttavi continuano ad appassionare bambini e ragazzi, trascinandoli nel mondo musicale fatto di sola voce umana.
A fine aprile è la volta della Puglia dove i SeiOttavi incontreranno i giovani di Mola di Bari, Lecce e Castellana Grotte per condividere una divertente e coinvolgente lezione–concerto in cui la polifonia e gli effetti vocali ed onomatopeici coinvolgeranno il giovanissimo pubblico in una frizzante esperienza di vocal singing. I ragazzi sperimenteranno le tecniche vocali di mouth drumming ascoltando un ricco repertorio che ripercorre Brahms, Mozart, Nino Rota fino ad arrivare ai più moderni brani, molto noti alle nuove generazioni.
Per informazioni su come portare anche nella tua scuola l'energia e la gioia di una lezione-concerto con i SeiOttavi scrivi a info@seiottavi.com.


 

 

I SeiOttavi in scena con Ficarra e Picone per le Rane di Aristofane
(24.03.2017)


Le Rane In seguito all'esordio della musica a cappella nell'opera lirica, i SeiOttavi continuano ad esplorare nuovi terreni per il contemporary a cappella: il teatro classico dell'antica Grecia.
Dopo la collaborazione nella stagione passata al Teatro Massimo di Palermo, il regista Giorgio Barberio Corsetti ha voluto con se il sestetto vocale per l'allestimento che curerà per il 53° Ciclo di Rappresentazioni Classiche del Teatro Greco di Siracusa dell'INDA. I SeiOttavi dal 29 giugno al 9 luglio saranno dunque Le Rane della commedia di Aristofane, che torna a Siracusa a distanza di 15 anni dall'allestimento di Luca Ronconi.
Protagonisti dello spettacolo saranno i noti attori Salvo Ficarra e Valentino Picone, nei ruoli di Dionisio e Xantia. I SeiOttavi firmeranno ed eseguiranno dal vivo le musiche che accompangeranno il viaggio dei due comici nell'oltretomba e vestiranno anche i panni delle Rane e dei Capi degli Iniziati.
«Per le musiche de Le Rane mi sono avvalso del gruppo vocale dei SeiOttavi – ha dichiarato Giorgio Barberio Corsetti -, poiché avevo già apprezzato la loro grande versatilità, avendo collaborato con loro l’anno scorso al Teatro Massimo di Palermo. Sono infatti molto abili nello scrivere e interpretare con estrema versatilità musiche e stili diversi: dall’opera al jazz, dalla musica sacra al rock, dalla canzone moderna a quella tradizionale. Una mescolanza di generi musicali – ha proseguito il regista – come ci capita di ascoltare a tutti durante la giornata; un’attitudine quindi molto contemporanea quella dei SeiOttavi, che perfettamente si adatta allo spirito della messa in scena che stiamo allestendo per Le Rane.»
La commedia chiuderà la rassegna di spettacoli classici che sarà inaugurata il 6 maggio con "Sette contro Tebe" di Eschilo per la regia di Marco Baliani a cui seguirà "Le Fenicie" di Euripide firmata da Valerio Binasco, a giorni alterni.
Le musiche inedite dei SeiOttavi saranno dunque sul palco del Teatro Greco per quella che Giorgio Barberio Corsetti definisce «una commedia esilarante ma anche dal grande significato storico e sociale perché inscenata in una Atene in crisi».

 

 

Sinfollywood: i SeiOttavi cantano Henry Mancini
(22.07.2016)


SinfollywooeDalla Pantera rosa a Colazione da Tiffany. Sono solo alcune delle colonne sonore nate dalla fruttuosa collaborazione tra il compositore Henry Mancini e il regista Blake Edwards che il Conservatorio di Palermo porta sul palcoscenico del Teatro di Villa Castelnuovo nell'ambito della rassegna Estate al Verdura.
Sinfollywood arriva dopo le produzioni degli scorsi anni, dedicate alle composizioni di Gershwin e Ellington. Lo spettacolo è ideato, arrangiato e diretto da Gaetano Randazzo. Saranno eseguiti alcuni tra i più celebri brani tratti dalle colonne sonore di film musicati da Mancini, tra cui Il temerario, Colazione da Tiffany, La pantera rosa e I giorni del vino e delle rose, eseguiti dall'Orchestra Sinfonica e l'Orchestra Jazz del Conservatorio insieme al Coro di Voci Bianche diretto da Antonio Sottile.
Solista vocale d'eccezione sarà Monica Mancini, figlia di Henry insieme al batterista e produttore americano Gregg Field. Insieme ai SeiOttavi accompangeranno i due artisti statunitensi la tromba e il flicorno di Vito Giordano, il mandolino di Emanuele Buzi, la batteria di Giuseppe Urso, il sax di Orazio Maugeri, le voci di Daniela Spalletta ed Ernesto Marciante, l'armonica di Giuseppe Milici, il vibrafono di Sergio Calì, la chitarra di Paolo Sorge, la fisarmonica di Ruggiero Mascellino, il basso di Fabio Crescente e gli artisti della scuola di circo e arti perfomative Circ'Opificio.

(Per acquistare i biglietti: Box Office Sicilia)


 

 



 

 

News video...

TG2 - Le Rane


FMItalia - Le Rane


TGS - Cartocomiche


Cartocomiche


Vuccirìa al TG1 - Do Re Ciak Gulp



Vexations - Teatro Massimo


Spazza Tour


Silent Night






  • (+39) 329 4904712

  • Via Po, 24
    I-00198 Roma