Il contemporary a cappella va all’opera: i SeiOttavi & Le Streghe di Venezia di Philipp Glass


Streghe di Venezia Dopo aver dato vita con Vuccirìa alla prima "opera vocale", i SeiOttavi continuano il loro cammino sui palcoscenici della lirica. Al Teatro Massimo di Palermo impersoneranno nell'opera Le Streghe di Venezia di Philipp Glass un surreale e grottesco personaggio a sei teste, novità di questo allestimento, che Giorgio Barberio Corsetti ripropone dopo averne firmato la regia già nel 2009 per il Parco della Musica di Roma. Interamente rivisitata dallo stesso Glass la partitura nasce dall'omonima opera-balletto ispirata alla fiaba di Beni Montresor andata in scena per la prima volta nel 1995 al Teatro alla Scala di Milano.
La trama di questa fiaba, i cui testi sono stati rivisti e integrati da Vincenzo Cerami, prende le mosse dalla preoccupazione del Re di Venezia che, disperato per la mancanza di un futuro erede al trono, riceve in dono da una fata una pianta magica da cui nasce un bambino. Il Re però, impaurito da tale magia, ripudia il bambino-pianta che, disperato e solo, viene a conoscenza di una bambina-fiore, tenuta rinchiusa nel palazzo delle Streghe di Venezia. Con l'aiuto del vento intraprende sulle ali di un fantastico piccione di legno la ricerca della sua anima gemella, un viaggio costellato da insidie e ambientato in un mondo fantastico, popolato da streghe deridenti, fate benevoli, case mostruose piene di fantasmi, amici e nemici. Dopo pericoli e straordinarie peripezie con grande coraggio libera la bambina-fiore e insieme volano via verso la libertà ottenendo alla fine anche il riconoscimento da parte del Re, che li nomina futuri sovrani di Venezia.
Un susseguirsi di immagini, di ambienti, di invenzioni, ottenuti per la massima parte grazie alla sperimentazione del regista che scegliendo di usare la tecnica del Chroma Key, conosciuta al cinema per la realizzazione degli effetti speciali, fa assistere a un'opera cinematografica sul palcoscenico, amplificando la performance musicale diretta da Francesco Lanzillotta.
I SeiOttavi, i cui interventi a cappella sono curati da Gateano Randazzo, portano per la prima volta il contemporary a cappella all'opera, e non lo fanno soltanto come orchestra vocale o rumoristi, ma come vero e proprio personaggio inserito nella narrazione scenica.

Le Streghe di Venezia
Teatro Massimo di Palermo - 29 aprile / 5 maggio 2016
Musica di Philip Glass
Testo di Vincenzo Cerami
Direttore: Francesco Lanzillotta
Regia: Giorgio Barberio Corsetti
Scene: Giorgio Barberio Corsetti e Massimo Troncanetti
Luci: Gianluca Cappelletti
Costumi: Marina Schindler
Ideazione e realizzazione Video: Igor Renzetti, Lorenzo Bruno, Alessandra Solimene
Maestro del Coro di voci bianche: Salvatore Punturo
La Strega e la Fata: Gabriella Costa
La domestica: Valeria Tornatore
Il re di Venezia: Gianluca Bocchino
L’orco: Salvatore Grigoli
I Fantasmi: SeiOttavi
Orchestra e Coro di voci bianche del Teatro Massimo

(25.04.2016)

Prossimi appuntamenti

Le Streghe di Venezia - Philipp Glass
Teatro Massimo Palermo
29.04-05.05.2016


Premio Pigro
MIR - Rimini
9.05.2016 - 12:00


GiranoVoci
Roma
20.05.2016


GiranoVoci
Milano
25.05.2016


C'è Vuccirìa
Auditorium Parco della Musica - Roma
29.05.2016 - 21:00


GiranoVoci
Roma
30.05.2016


GiranoVoci
Milano
31.05.2016


Allegro Italiano
Festsaal der Landesgalerie - Linz (A)
2.06.2016 - 18:30


SeiOttavi in Concerto
Stanza della Musica - Forlì
11.06.2016 - 21:00


La magia delle sole voci che si uniscono per creare sonorità inaspettate

Sei curioso di sapere come funziona, vuoi informazioni, vuoi un concerto o workshop nella tua città...

C'è... Vuccirìa! E' arrivato il terzo album dei SeiOttavi

CD Vucciria Spettacolo musicale o opera popular rock? Musical o teatro cantato? Dieci anni di lavoro per arrivare a questa magica sintesi delle arti sceniche. Vucciria è Opera che nasce da un video. Immersione musicale nell’antico mercato di Palermo con gli strumenti più nuovi e moderni della tecnologia...

leggi tutto...

Sacred Concert by Duke Ellington: i SeiOttavi nel cast della rilettura di Gaetano Randazzo

sacredconcert Edward Kennedy "Duke" Ellington (1899-1974) riteneva i suoi Sacred Concerts "the most important thing I have ever done" (la cosa più importante che io abbia mai fatto). I tre concerti sacri composti nell'ultima decade della sua vita (1965, 1968 e 1973) costituiscono una sorta di testamento spirituale...

leggi tutto...

Vexations di Satie, per la prima volta anche a cappella

vexationsPer il Guinness dei primati è il concerto più lungo della storia della musica: Vexations di Erik Satie, composto nel 1863 ed eseguito per la prima volta un secolo dopo, nel 1963, da John Cage e un team di pianisti al Pocket Theatre di New York per 18 ore e 40 minuti....

leggi tutto...

I nostri scatti più recenti...

ArtCademy
C'è Vucciria
Sacred Concert of Duke Ellington





  • (+39) 329 4904712

  • Via Po, 24
    I-00198 Roma